gennaio 2015

Notiziario 1

Stato dell'insegnamento della “consultazione partecipata” al gennaio 2015

Genera segnalibro - Condividi

Esiste un Sito sulla Consultazione partecipata, ospitato nel pluri-sito “La natura delle cose”, diretto da Nino Martino. Lo si apre cliccando “la consultazione partecipata, la natura delle cose”. 


 

 Cinque dei sei gruppi clinici di discussione di casi di consultazione partecipata, organizzati da Dina Vallino a Milano, proseguono:

 1),2) i due Gruppi del venerdì (uno in forma autogestita e l'altro sotto la guida duplice delle Dottoresse Adriana Anderloni e Paola Bertone);

3) il Gruppo del mercoledì mattina (con la conduzione della Dr. Fiamma Buranelli)

4) il gruppo del mercoledì sera (ore 19,30-21,30) prosegue in forma autogestita

5) il “Gruppo Dina Vallino” dell'AMHPPIA prosegue in forma autogestita


Proseguono le iniziative di studio e applicazione della Consultazione Partecipata che non erano direttamente organizzate da Dina Vallino:

 6) la Dr. Giovanna Maggioni tiene lezioni sulla Consultazione Partecipata presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell'Università di Torino, diretta dalla Prof. Antonella Granieri e in precedenza dal Prof. Franco Borgogno;

7) la Consultazione Partecipata è praticata presso la Struttura Complessa di Neuropsichiatria dell'Infanzia e Adolescenza di Varese; il modello ispira l'intervento sui bambini prescolari e sui loro genitori di una parte degli operatori. Alla Consultazione Partecipata viene dedicata una sezione degli incontri di lezione e supervisione alle specializzande in Neuropsichiatria Infantile di Varese;

8) la Dr. Manuela Trinci continua a condurre a Pistoia un Gruppo sulla Consultazione Partecipata e

9) utilizza la metodologia della Consultazione Partecipata per la formazione degli operatori della AUSL (nord, centro, sud) di Bologna;

10) la Dr. Maria Rosa Ceragioli, responsabile dell'Unità consultoriale della ASL 5 di Pisa del Servizio 0-5, utilizza la Consultazione partecipata per la Consulenza breve ai genitori e nel Centro di accoglienza e di sostegno alle famiglie con bambini di San Rossore;

11) la Consultazione partecipata è utilizzata dallo psicologo del reparto di Terapia Intensiva Neonatale per la formazione del personale al contatto coi genitori e il bambino pretermine.


 Il progetto di Dina Vallino sta andando avanti anche con nuove iniziative:

 12) All'università di Bologna la Prof. Elena Trombini ha dato vita al “Laboratorio Dina Vallino di ricerca sulle psicoterapie bambino-genitori” e

13) terrà nel 2015 un corso di formazione, inerente i Disturbi del comportamento alimentare ed evacuativo in età prescolare, secondo la metodologia della Giocoterapia Focale nel contesto della Consultazione partecipata, presso il Dipartimento di psicologia dell'Università La Sapienza di Roma, diretto dalla Prof. Renata Tambelli.

14) a Milano è nato un nuovo gruppo clinico su casi di Consultazione partecipata condotto dalla Dr. Giovanna Maggioni

15)A Venezia è partito un Gruppo clinico su casi di Consultazione partecipata organizzato dalle Dottoresse Simona Nissim e Maria Pagliarani

16) La Dr. Fiamma Buranelli terrà nel 2015 lezioni sulla Consultazione partecipata e le sue applicazioni presso il Centro studi per le psicoanalisi contemporanee diretto dal Prof. Francesco Bisagni


 Marco Maccio'

consultazione partecipata  |  cultura  |  dina vallino  |  psicoanalisi  |  psicoanalisi infantile  |  aggiungi un commento

Logo e suggerimenti grafici: Emilie Barret - HTML : Nino Martino - Sviluppo del sistema di gestione dei contenuti (CMS): Roberto Puzzanghera | login