Una recensione di Dina Lentini

A Love Supreme di Nino Martino, CS_libri, 2019

La fantascienza sociologica e il fantastico: l'elemento perturbante irrompe nella vita quotidiana

Genera segnalibro - Condividi

A LOVE SUPREME è una raccolta di due racconti di fantascienza sociologica, di cui il primo, che dà il titolo al libro, è ispirato al celebre album degli anni sessanta del jazzista John Coltrane; il secondo, “Gli occhiali”, è un esempio di fusione di filoni letterari diversi nella quale l’indagine su un possibile futuro-presente assume aspetti fantastici e poetici. In entrambi i racconti si ritrovano tematiche e personaggi cari all’autore.

copertina del libro A Love SupremeA Love Supreme, CS_libri, 2019, in formato ebook 2,99 euro, in formato cartaceo 9,20 euro - acquistabile su Amazon

Già in “Errore di prospettiva” (finalista premio Odissea 2017) o in Yokufina e in altri racconti Nino Martino ha dimostrato di saper realizzare una felice combinazione tra i motivi classici dell’avventura spaziale e dell’estraneità aliena e quelli della critica sociale. Con uno stile fluido capace di alternare toni leggeri, teneri, drammatici e sarcastici, l’autore utilizza la cornice fantascientifica, a lui particolarmente congeniale, per analizzare altre forme di estraneazione a livello individuale e collettivo e per riversare nella finzione letteraria il suo impegno in campo scientifico e politico.

Coerente con questa direzione è l’individuazione, nelle varie storie, di un protagonista particolare costituito da un’equipe ristretta, capace di azioni di resistenza intelligente nei confronti di una società invivibile, già esplosa o pronta a collassare. Il gruppo condivide sia la passione per la ricerca scientifica, sia la sensibilità per la condizione umana in tutte le sue sfaccettature. Nelle diverse avventure questo protagonista collettivo mantiene un rapporto critico con le istituzioni accademiche e politiche cui deve necessariamente fare riferimento per poter incidere sul cambiamento della realtà. Omogeneo e coeso al proprio interno, il gruppo ha saputo amalgamare le diverse capacità individuali e si è rafforzato attraverso il comune slancio conoscitivo e attraverso le battaglie per una società aperta e inclusiva, razionalmente emancipata.

Spesso, come in questa raccolta, l’equipe è ridotta ai minimi termini di una coppia di amici. Roberto e Carlo sono due ricercatori che conducono una vita semplice e al tempo stesso ricca di interessi e piccole gioie che danno sapore all’esistenza. La loro amicizia è collaudata da anni. La loro visione del mondo è basata sullo stesso razionalismo etico. Le giornate procedono tranquille fra lo scambio di informazioni scientifiche, le confidenze di tipo intimo, la pausa per gustare una buona birra, assaporare una tazza di té, provare una nuova ricetta di cucina, ascoltare musica. Sullo sfondo, una Milano di quartiere, lontana dalle luci sfolgoranti delle più recenti trasformazioni metropolitane. Poi, succede qualcosa. In entrambi i racconti i due amici sono messi alla prova da un elemento esterno che irrompe nella loro vita privata, qualcosa di non prevedibile, di irrazionale, qualcosa di vagamente minaccioso che diventa sempre più intrattabile e pericoloso.


Incipit

"Ci sono momenti nella vita in cui tutto si apre davanti, tutto diventa possibile, realizzabile. A volte è per una storia finita, a volte è per un lavoro cessato o per uno nuovo, o ancora un trasferimento di città, di paese, di casa.
Tutto si apre e invece di provare incertezza o spavento si sente una grande leggerezza. Infinite strade sono davanti. Si sceglie e una nuova vita, sconosciuta, incomincia.
Roberto era in quel momento. Una storia intensa, appassionata e disastrosa era terminata e una borsa di ricerca gli era stata appena assegnata.
Camminava, Roberto, nel grande viale alberato e l'aria del mattino presto era pulita e piena di primavera futura." ...


Altri libri dell'autore.

Yokufina, collana Futuro Presente, Delos Digital  (recensione: yokufina: quando la fantascienza diventa critica sociale)

Errore di Prospettiva, collana Odissea, Delos Digital (recensione:quando la space-opera diventa letteratura d'impegno, l'esplorazione spaziale al tempo dei social)

Cittadinanza certificata,  inserito nell'antologia Costituzioni Future, Edizioni Della Vigna (recensione: costituzioni future: scenari dell'immaginazione)

Omnimax II, collana Futuro Presente, Delos Digital -- ripubblicato nell'antologia Italia  Futura Presente

Pianeta d'erba,  rivista Futuri, n. 9, settembre 2017

Benvenuti in paradiso, inserito nell'antologia Divergender, Delos Digital

vai avanti di una paginatorna indietro di una pagina
cultura  |  fantascienza  |  nino  |  saggi  |  aggiungi un commento

Logo e suggerimenti grafici: Emilie Barret - HTML : Nino Martino - Sviluppo del sistema di gestione dei contenuti (CMS): Roberto Puzzanghera

| login