come ti insegno a ridere e altro ancora...

Professori & Papere

di Gigi Monello

Genera segnalibro - Condividi

C’è, in Tv, un’allegra trasmissione di capitomboli, urti e sbattimenti. La ammannisce una rete privata; è longeva e apparentemente innocente. È “Paperissima”, la gaia rubrica di disgrazie ed accidenti vari con sottofondo di risate e marcette.

Foto di Emilie Barret. Una fila di gabbiani su un molo ghiacciato del lago di Ginevra attende la primavera. Sono certi che prima o poi arriva. Bisogna solo aspettare.

Mi sono preso la briga di seguirne una intera puntata di mezzo Agosto; eccone il menu: 1) due giapponesini giocano gentilmente a puntarsi l’emissione di un phon direttamente in faccia; 2) motociclette schizzano a pazza velocità con cadute rovinose dei piloti; 3) leone scorreggia, con abbondanti materiali escrementizi gioiosamente proiettati a distanza; 4) acquascooter finisce a folle velocità su una riva piena di gente; 5) piccola rissa tra bambini per motivi non chiari; 6) altalena si ribalta, con piccolo utente che cade a terra di testa; 7) improvvisa frana di ghiaccio e neve davanti a porta finestra, con bambina che sobbalza; 8) gentile intermezzo: veline con grosse tette che ballano; 9) bambina si leva una caccola dal naso e la infila nella bocca della bambola; 10) bambina sputa, per ritorsione, in faccia all’amichetta rea di averle spento la candelina sulla torta del compleanno. Ecco una trasmissione televisiva di successo, nell’anno del Signore 2009.

C’è un verosimile, scellerato legame tra cose come "Paperissima" e la diffusa, incancrenita indifferenza alla bugia di questi nostri tempi. In tutte le sequenze vi è un comune dettaglio: tutti i filmati sono tronchi: mancano delle conseguenze. È impossibile vedere cosa sia accaduto “dopo”. Ovvio il motivo. Il pianto disperato di un bambino, un tizio semisvenuto caricato sopra una barella, una ferita sanguinante, una faccia stravolta, guasterebbero la festa; la facilona risata di massa non scatterebbe spontanea. Una parte di realtà non si deve vedere. Ha questo magico potere, la Tv: ti sprofonda nell’immediatezza emotiva; dà quel che piace; taglia ciò che disturba.

È troppo "estremista" vedere una continuità tra l’attuale spappolamento mentale e morale  delle nuove generazioni e la vittoria di questo genere di televisione? Forse no.
La faccenda, del resto, non comincia da ieri. La grande opera di “decerebrazione di massa” inizia con cose come “Drive in”, “Colpo grosso”, un certo talk show sbraitato alla Costanzo e alla Funari (dove conta il ritmo più che il contenuto). Va avanti beatamente con le “LitiInfamiglia”, “IgiochiDelleCoppie”, gli “Stranamori”; gli “SgarbiQuotidiani”, le “CarrambeCheSorpresa” (la Tv della “commozione Prêt-à-porter”). Continua a prosperare indisturbata con certe sconcezze degli ultimi tempi, le “PostePerTe”, gli “Amici”, i “PacchiDaAprire”, “LeEredità”; sino ad arrivare ai supremi vertici dell’idiozia di massa: i “GrandiFratelli”, le “IsoledeiFamosi”. Come dire, il puro “nulla” trasformato in qualcosa.

Era mai possibile che simili quantità industriali di autentico pattume, rovesciate per decenni addosso a vecchi, giovani e bambini, potessero restare senza conseguenze? Che una tale incessante, martellante, estenuante educazione alla futilità e alla banalità, non desse alla fine un risultato “sociale”?
Tutti, nell’ambiente Rai, sanno benissimo come andarono le cose. Le tv private nacquero e si affermarono selvaggiamente, dentro un torbido clima di favori, protezioni e scambi. Offrendo prodotti “facili”, si conquistarono velocemente fette sempre più cospicue del mercato della pubblicità. La Rai per non farsi staccare, si adeguò. Il risultato è di fronte agli occhi di tutti; un crollo generale e verticale della qualità; mattina, pomeriggio e sera.

Se qualcuno ancora stranisce di fronte all’inselvatichimento di tanti adolescenti, al loro imbalordimento, evidentemente è perché non afferra cosa è accaduto nella Tv di questi ultimi trent’anni. Un modello è stato dato: chi doveva, lo ha recepito, introiettato, moltiplicato. Si dirà che la Tv non ha fatto tutto da sola. E sarà pure vero. Ma certo, la sua, resta una responsabilità centrale.

Sino agli anni ’70, la accendevi e ci trovavi Manzoni e Dostoevskij, Verga e Dickens; i reportage di Gregoretti e Soldati; gli “Specchi segreti” di Nanni Loy, “le Tv7”, “le Odissee”. Accendi oggi e ci trovi Antonio Zequila - noto er mutanda -, Malgioglio, la contessa De Blanc, Giada, Platinette, Corona & Belen, Costantino, Simona Ventura; nonché l’immancabile ex miss Italia, nella veste di opinionista. Un tempo ci trovavi Gassman e Mastroianni, adesso Bonolis e Laurenti, le battutacce grevi, una continua, ossessiva, sfiancante allusione al sesso. È la tv “moderna”: un inesausto festival di pulsioni ed “effimero”: gare tra adolescenti rancorosi e arrivisti (De Filippi); salotti con la bava alla bocca (Sposini, Giletti, D’Urso); telerisse quotidiane spacciate per approfondimenti; Gabibbi, finta satira, veline biondo/more/sculettanti. Un caravanserraglio sguaiato, grottesco, demenziale.

Il mutamento antropologico è stato profondo, molecolare, devastante. Il gusto ha virato verso un edonismo volgare e facilone. Per il quale, certo, non mancava, nella nazione, una qualche storica predisposizione. Che andava, però, combattuta e corretta; e che si è invece cinicamente assecondata e sviluppata. Col bell’effetto di mandare in malora i cervelli.
Questo trash televisivo ha abituato lo spettatore ad un pensare “piccolo”, “facile”, “semplice”. Ha vellicato le cose più tristi, banali, squallide: la passione per le lotterie, il gossip basso, le liti in famiglia, le storiacce di corna, la superstizione, gli oroscopi, la dea bendata, le dietrologie emotive, la curiosità per le altrui perversioni, il sesso ubiquo, ad ogni ora, momento ed occasione; la voglia di lusso, di esteriorità sfrontata; di successo, di “apparire”.

Accendi, giri un po’ a caso, e subito ti imbatti in rubriche giornalistico/gossipare dove il tema è un classico, “cosa ne pensate di una relazione dove lei è vent’anni più vecchia di lui? Oppure, “come giudicate i rapporti sessuali tra minorenni”? E, qui, giù fiumi di luoghi comuni e frittura retorica; con una schiera di tuttologi sbavanti e sgomitanti, avidi di scena e visibilità; con l’immancabile, tristissimo esperto, pronto a mostrare la copertina di un libro. Prurigine, voyeurismo, curiosità, voglia di chiacchiera frivola e futile. Ecco il prodotto televisivo dominante.

Di recente ho visto una bella rievocazione della figura di Antonello Falqui; il regista; quello, per intenderci, di Studio Uno; di Mina, Panelli, Walter Chiari, Bice Valori, Luttazzi, le Kessler. Sono scorse sul video molte vecchie cose, pezzi da antologia dell’umorismo, vecchie canzoni, ospiti celebri; molti visi scomparsi, molte parole, molta nostalgia. Molta tenerezza per una Italia che non c’è più, e che sembrava stesse diventando migliore. Fulminante, nella sua essenzialità, l’affermazione di un intervistato (non ne ricordo il nome), “A quei tempi, chi stava in Tv era migliore di chi la vedeva”.

È la pura e semplice verità. La televisione di allora, assomigliava in qualche modo alla scuola. E come chi saliva in cattedra era (doveva essere), in genere, migliore di chi stava ad ascoltare; così in tv.
Oggi quella alleanza di fatto non esiste più. Non c’è più un convergere verso uno scopo all’incirca comune: migliorare, raffinare; coltivare ironia, buon gusto, senso della complessità. In quella vecchia Tv, ascoltavi l’italiano parlato da un signore come Andrea Barbato. E imparavi come a scuola. E capitava di sentirvi molti congiuntivi e molte “negazioni delle negazioni”. C’è differenza tra dire, “possibile”, e “non impossibile”.

Oggi, ahimè, è la scuola ad assomigliare alla televisione. Offrendosi goffamente come contenitore di mille piccoli allettamenti, essa è riuscita nella bella impresa di sfigurare e mortificare la specificità intellettuale degli insegnanti.

Di tutto questo ben coltivato disastro si è ben saputo approfittare. Tutto il magma torbido di un certo spirito furbesco–anarcoide–autoritario dell’italiano medio (maledizione quasi metastorica), è stato perfettamente intercettato dalla nuova sottocultura politica uscita dal collasso della Dc. La grande abilità di questa vischiosa e sciagurata cosa che è il tele/populismo, consiste proprio in ciò: nell'aver saputo mirabilmente coniugare paure più oggettive (criminalità, insicurezza, immigrazione, percezione di un crescente “disordine”), con antiche tendenze mentali: superficialità edonistica, inclinazione alla semplificazione, praticismo gretto.

Qualche anno fa, divenuto leader politico e sul punto di affrontare per la seconda volta Romano Prodi, l’artefice sommo del successo di questa Tv, sentenziò con feroce candore, “Non fidatevi di un professore”. Più chiaro di così.

vai avanti di una paginatorna indietro di una pagina
aggiungi un commento

Commenti

paperissima

Alcune trasmissioni diveentano famose e permettono poi, sottilmente, un modo di pensare che consente altre cose ancora. Pensate ai bunga bunga con le minorenni. Alla mia edicola, un signore molto distinto che comprava "il giornale", a un mio commento disse:"tutta invidia, lui se lo può permettere e voi lo invidiate".

Ma c'è stata una trasmissione televisiva che anni addietro aprì la possibilità di questo sentire, era "ma non è la RAI", con Ambra. In antagonismo a una RAI allora predominante e presupposta bacchettona, era una trasmissione molto acchiappante, veloce, ridanciana alla buona piena zeppa di minorenni succinte, danzanti e sculettanti. Si strizzava l'occhio sui gusti ninfomani, e Ambra divenne famosa. Ci fu poi una scandalo su minorenni che per partecipare alla trasmissione, madri consenzienti, dovevano sottoporsi al bunga bunga e tutto si insabbiò (ovviamente).

Ma quegli anni e quella trasmissione famosa lasciano il segno, insieme a tutti gli spettacoli che citi, caro Gigi. E naturalmente stiamo parlando solo di televisione. poi ovviamente ci sono mille altri rivoli che confluiscono nel grande fiume dell'azzeramento delle capacità critiche.

Poi volevo aggiungere una piccola nota a quello che già accennavi. Adesso si è aggiunta una trasmissione che si chiama "torta di riso". Il senso è sempre lo stesso. Che cos'è l'umorismo? Se non lo sai te lo insegno: un bambino corre, arriva su una lastra di ghiaccio e cade sul sedere. Nel sottofondo una grande risata.  Un altro corre fa per saltare una staccionata, ci inciampa e cade dall'altra parte in un mucchio di letame. Solita risata fragorosa di fondo. la risata di fondo ha senso preciso. Come non hai capito? Devi ridere anche tu, non vedi che tutti ridono?

Ma in torta di riso sono presenti per sopramercato anche due conduttori che con lazzi e scherzi casarecci e ammiccamenti vari fanno in modo di farti sentire molto furbo, come sono furbi loro.

E il gioco è fatto. Hai imparato molte cose. E se tu dici in giro "ma che roba è questa?", subito ti dicono che non sei capace di lasciarti andare (lasciarmi andare? Ma a che cosa?), che sei rigido, che non sai scherzare (sic!), che non ami l'unmorismo (!). Sparita l'arma pericolosa dell'ironia, della vera satira, del graffiante umorismo, Il mondo è salvo e qualcuno può continuare a vivere in pace...

Rispondi | Permalink

Logo e suggerimenti grafici: Emilie Barret - HTML : Nino Martino - Sviluppo del sistema di gestione dei contenuti (CMS): Roberto Puzzanghera

| login