i nuraghi in Sardegna

Il complesso nuragico di Barumini

dal nostro corrispondente Yves-Marie Hue un reportage fotografico sul più grande complesso nuragico in Sardegna

Genera segnalibro - Condividi

Che cosa è che affascina nei nuraghi? Non è la stessa cosa che vedere delle torri saracene un po' sbrecciate. Non è colore locale e non è semplicemente una testimonianza storica di ciò che era e che ora non c'è più. Lasciamo perdere le questioni magiche e la positività o la negatività e le vibrazioni positive o negative: attraverso i nuraghi forse si intuisce una vita complessa, dura, non priva di arte e non priva di ingegnosità. Yves-Marie Hue, nel suo recente viaggio in Sardegna (che peraltro conosce bene) è rimasto colpito dal complesso nuragico di Barumini, che vedeva per la prima volta, pur avendo visto altri nuraghi ad esempio in ogliastra. Ne è nato questo reportage fotografico.il complesso nuragico di Barumini

foto di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Barumini

fotografia di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Barumini in Sardegna

fotografia di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Bsrumini fotografia di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Bsrumini

fotografia di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Bsrumini

fotografia di Yves-Marie Hue, il complesso nuragico di Bsrumini 

vai avanti di una paginatorna indietro di una pagina
cultura  |  fotografia  |  reportages fotografici  |  aggiungi un commento

Logo e suggerimenti grafici: Emilie Barret - HTML : Nino Martino - Sviluppo del sistema di gestione dei contenuti (CMS): Roberto Puzzanghera | login