Yves-Marie Hue

foto di Yves-Marie Hue, architetture1

La ville dystopique – La città distopica
“À travers ces photos de grandes ensembles (ici Le Grande-Quevilly) qui mettente en relief leur froide géométries, j’ai voulu montrer à quel point la ville peut apparaitre déshumanisée et hostile”
“Attraverso queste foto di grandi complessi residenziali (qui Le Grande-Quevilly) che ne evidenziano le fredde geometrie, ho voluto mostrare quanto la città possa apparire disumanizzata e ostile.”
N.d.R. (Nino Martino):La fotografia è un’arte, questa serie di foto in bianco e nero di architettura che ci ha mandato Yves-Marie Hue per la pubblicazione hanno le caratteristiche del fantastico propriamente detto. In bianco e nero sono perturbanti, spiazzanti. I palazzi esistono veramente ma le foto fanno emergere inquietudine di difficile definizione. Vengono in mente mille storie dietro queste geometrie grigie. E forse anche un po’ d’angoscia. Chi mai può abitare dentro queste strutture? E se anche fossero uffici: uffici di che? Ma sono chiaramente abitate. Ad una finestra, incasellata in una griglia infinita, è appesa della biancheria. Dietro la griglia comunque c’è una vita quotidiana.

Cliccare su una foto qui sotto per far partire la “galleria”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *